Storia e cultura – Montefalco

I

l giorno 11 Ottobre noi Flavia, Andrea e Lorenzo siamo andati ad iniziare il sentiero 313.

Abbiamo trovato di tutto e di più, abbiamo tolto cespugli, rami e sporcizia varia, tra cui bottiglie di latte, scatole di profilattici, detersivi e bicchieri di plastica, che si intromettevano lungo il sentiero. Attrezzati di sacchi neri dati dal Comune di Monteflavio, abbiamo raccolto questa sporcizia e abbiamo ripulito tutto.

Con noi c’era Giuseppina Lodovisi, nostra OLP, che ci ha accompagnati per fare un sopralluogo per vedere le condizioni del sentiero fino a Montefalco. Dopo essere arrivati fino alla cima e aver osservato una vista mozzafiato, la curiosità di come fosse nato quel posto è arrivata. Rientrati in sede ci siamo subito informati:

“Le rovine di Montefalco si trovano circa a 900 metri di altitudine in posizione dominante sul paese, considerato anticamente importante. Ci sono molti resti e strutture difensive, come mura, torri e abitazioni. E’ considerato centro abitato fino al 1422, in quest’anno il castello risulta già abbandonato. Nel ‘500, per volere della famiglia Orsini, il centro rinasce in prossimità della pieve romantica dedicata al culto di S. Donato. Questo culto fu sostituito dalla chiesa di San Martino quando gli abitanti di Marcetelli colonizzarono il centro di Monteflavio su richiesta di Flavio Orsini. Essi in quel periodo subivano una signoria dispotica e crudele da parte dei Mareri, che opprimevano i loro sudditi con insostenibili imposizioni fiscali e ottennero in cambio le assegnazioni di terre da destinare alla coltivazione e al pascolo. Il castello di Montefalco fu possedimento dei Savelli e poi degli Orsini durante il periodo della fondazione di Monteflavio.”

Visitare quei posti e sapere la sua storia, sul come fosse nato, cosa facevano in passato, e su come ragionavano è sempre molto interessante. Sono dell’idea che la cultura arricchisca una persona.

Ringraziamo la nostra OLP di averci accompagnati nonostante il brutto tempo e la pioggia lieve che si è presentata, il Comune di Monteflavio per fornirci sempre strumenti che servono per la realizzazione del lavoro e ai ragazzi del Servizio Civile per mettere sempre il loro impegno per ogni cosa che fanno, per migliorare le cose.

Ringraziamo la nostra OLP di averci accompagnati nonostante il brutto tempo e la pioggia lieve che si è presentata, il Comune di Monteflavio per fornirci sempre strumenti che servono per la realizzazione del lavoro e ai ragazzi del Servizio Civile per mettere sempre il loro impegno per ogni cosa che fanno, per migliorare le cose.

Un saluto dai ragazzi del Servizio Civile di Monteflavio.
A presto.

Flavia Picconeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.