Cod Prog PTXSU0005920012500GXXX - 12 mesi

Agricoltura nei Parchi del Lazio: opportunità e risorsa sociale

D

are maggior valore e slancio, all’agricoltura nelle aree protette, utilizzando il suo ruolo sociale, ad una trasformazione di governance da puntuale ad areale sia per le strutture produttive e le filiere corte, sia per la recettività rurale e d’accoglienza che per la cura dei prodotti di agricoltura “Biologica e sociale”, dove il consumatore si senta sempre più parte necessaria del processo (OBIETTIVO GENERALE)

OB1: Esplorare, tirar su e sostenere un agile e valido sistema di gestione di una rete di agricoltura sociale, che risulti efficace e affidabile - ANIMAZIONE TERRITORIALE

Attività Principali

OB2: Favorire nuove opportunità d’impresa in agricoltura, creative, nell’alveo dello sviluppo sostenibile sostenendo lo sviluppo di iniziative, che mettano in risalto i valori e l’anima culturale e naturale dei luoghi montani e siano legate alle loro esigenze sociali - GOVERNO TERRITORIALE

Nel pieno rispetto della normativa di riferimento, per una organizzazione ottimale del servizio, agli operatori volontari potrebbero essere richieste le seguenti condizioni e disponibilità:
  • Orientativamente la fascia oraria di servizio potrà essere inclusa dal lunedì al venerdi dalle 7.30 alle 18.00. A tal fine viene chiesta disponibilità alla flessibilità oraria e all’eventuale turnazione. In caso di partecipazioni a manifestazioni l’attività potrà essere svolta anche di sabato e domenica o nei giorni festivi oltre che in orario serale. Sempre nelle predette occasioni può essere necessario svolgere spostamenti e missioni anche in luoghi diversi dalla sede del servizio, necessari all’attuazione del progetto.
  • Rispettare gli orari di apertura e chiusura dei punti informativi
  • Viene altresì richiesta la disponibilità alla guida di autoveicoli messi a disposizione dell’Ente se in possesso di patente di tipo B.
  • Nella attività a contatto con gli utenti si richiede sensibilità, delicatezza, pazienza e propensione ai contatti umani, oltre che al rispetto dei regolamenti degli enti e della privacy delle persone con cui si viene in contatto
  • Si richiede una buona predisposizione e volontà al lavoro fisico e all’aria aperta
  • Esibire il cartellino di riconoscimento, specifico del volontario di servizio civile

OB3: Imparare a recepire finanziamenti nazionali e/o europei, che stimolino uno sviluppo socio-economico che valorizzi le diverse peculiarità locali - PROGETTAZIONE

Gli OLP (Operatori Locali del Progetto)

Lorena Callari

OLP sede PNR Monti Simbruini 1 - Trevi nel Lazio

Sara Scipioni

OLP sede Casa del Parco / Torretta - Albano Laziale (PNR Castelli Romani)

Moduli della formazione specifica
  1. Accoglienza e presentazione reciproca
  2. Aree protette, punti informativi, biblioteche e musei
  3. Animazione del territorio
  4. I Comuni di Trevi nel Lazio e Monteporzio Catone
  5. La progettazione nazionale ed europea
  6. Principi per diventare guida escursionistica
  7. Comunicazione, siti web e social media marketing per promuovere le attività degli Enti
  8. Esperienze e testimonianze di Agricoltura sociale nel Lazio
  9. Nozioni di base sulla creazione e gestione di un sito web e/o Blog e/o Banca dati
  10. L’Agricoltura sociale, origine e sviluppo in Italia
  11. Promozione del territorio e sviluppo rurale sostenibile
  12. Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.