FINE DI UN PERCORSO

E'

già passato un anno e il nostro turno sta per finire. Fra pochi giorni altri ragazzi inizieranno la loro esperienza nel Servizio Civile al Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili.

È stato un anno di peripezie a causa del Covid-19, insieme alla nostra OLP Giuseppina Lodovisi abbiamo dovuto affrontare problemi mai considerati prima. Una semplice questione, come andare in montagna, doveva diventare più complicata perché non si poteva stare tutti insieme in macchina. Per lo stesso motivo la maggior parte delle volte siamo stati separati, chi in sede, chi in smart-working, chi sul campo…

Di cose belle ce ne sono, però, da dire. Proprio grazie alle maggiori difficoltà ogni piccola cosa positiva deve essere esaltata dieci volte tanto. Infatti nonostante le paure per la situazione delicata, il distanziamento e le mascherine che nascondevano i nostri sorrisi, possiamo dire di essere riusciti a creare un buon rapporto di gruppo. Abbiamo fatto risaltare le nostre parti in comune sebbene siamo in realtà quattro persone molto diverse.

Per quanto riguarda l’attività di volontariato, a causa delle limitazioni, abbiamo dovuto rimodulare un po’ il progetto di partenza. Il tema “Plastic free” lo abbiamo affrontato in maniera soprattutto teorica, puntando a divulgare informazioni di sensibilizzazione nei confronti dell’utilizzo dei materiali in plastica.

Senza dubbio la parte più bella sono state le avventure sul campo, dove abbiamo potuto fare maggiormente delle attività pratiche. A partire dalla manutenzione e marcatura dei sentieri escursionistici, per arrivare al monitoraggio delle specie faunistiche. In particolare molte delle nostre uscite sono state focalizzate sullo studio del lupo e camminare tra le montagne alla ricerca delle tracce di questo affascinante animale non ha fatto altro che dare un tocco di mistero alle nostre escursioni.

Al termine di questo anno possiamo dire che, nonostante i problemi organizzativi a causa della pandemia, abbiamo potuto comunque ammirare le bellezze naturali di una buona parte del Parco e dei Comuni che ne fanno parte.

È un’esperienza che raccomandiamo molto, soprattutto ora che gli spostamenti sono di nuovo possibili.

In conclusione vorremmo anche ringraziare di cuore la nostra OLP Giuseppina Lodovisi che, nonostante i lockdown e le privazioni che ne sono scaturite, ha cercato con tutti i mezzi a sua disposizione di farci vivere al meglio il Servizio Civile, anche grazie all’aiuto indispensabile della guardiaparco Laura Confaloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.