SCU in Aree Protette e Borghi

Sopralluogo nel bosco

Il giorno 5 Agosto assieme ai guardiaparco del Vivaro, abbiamo svolto un sopralluogo sul sentiero che dal Vivaro arriva sino a Villa Montana, nei pressi di Lariano. Tale via rappresenterebbe uno snodo fondamentale per il nuovo cammino della Transumanza, un cammino di una settimana che parte da Falasche per arrivare al paese di Jenne. Il tratto svolto si estende per circa 8 Chilometri, ed è quasi totalmente immerso all’interno del bosco. Un luogo pieno di vita, sia di flora che di fauna; tra le varie specie animali abbondano i volatili in gran quantità. 

Con l’aiuto dei Guardiaparco siamo riusciti a raccogliere ed analizzare diverse piume di varie specie di uccelli: numerose le piume della ghiandaia, la guardiana del bosco, le quali se provengono dalle ali dell’animale sono di colore grigio con delle striature azzurre e nere in certi punti, le piume del picchio verde, maculate, marroni con macchie bianche che presentano anche delle sfumature di giallo ai lati, e in ultimo quelle sicuramente più abbondanti e grandi di dimensioni, le maestose piume della poiana. 

Guardandoci intorno lungo il percorso oltre a scorgere qui e lì le piume, abbiamo avuto la fortuna di osservare numerose tracce lasciate da altri animali. Ne è un esempio la lunga pista curvilinea lasciata sulla polvere da un serpente di grandi dimensioni, oltre che a molte altre più piccole lasciate dai suoi simili. Numerosissime orme di cinghiale  nel terreno che per la maggior parte del percorso è polveroso, lasciando così la traccia di tutto ciò che lo attraversa. Insomma un’uscita ricca di emozioni e di nuove conoscenze, immersa in un verde senza paragoni. Sotto le fronde degli alberi si avverte un senso di calma e tranquillità, essi per quasi tutto il percorso coprono il cielo. Una rigogliosa volta naturale, la quale offre pace, armonia con i canti degli uccelli e fresco ristoro in queste giornate così torride. Durante il percorso è stato esaminato anche il tema del taglio degli alberi, venuto fuori poiché molti di questi nel bosco sono segnati in vista del taglio. Ciò viene visto sempre come un qualcosa di prettamente negativo, ma grazie ai guardiaparco abbiamo capito che non sempre è così. Il bosco infatti è prevalentemente costituito da Castagni i quali necessitano di una manutenzione e potatura frequenti. Nel periodo autunnale molti di questi vengono tagliati lasciando prevalentemente esemplari femminili. Ciò avviene per migliorare la salute degli esemplari, esponendo di più i rami alla luce del sole e aumentandone la produttività. Quante cose si scoprono, con una semplice camminata nel bosco! Insomma una giornata ricca di spunti all’insegna della conoscenza. 

Articolo di: Vittorio Di Cecio

Foto di: Giusi Bollati

Parco Regionale dei Castelli Romani (Sede Vivaro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.